I VIAGGI DI KALLISTEARTE

Visita al Castello di Rivoli

Castello di Rivoli (patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco)

Sabato 9 ottobre 2021 (tutto il giorno con autobus privato)

Il Castello di Rivoli è di per sé molto interessante per la lunga e affascinate storia che lo riguarda. Proprietà dei Vescovi di Torino, è entrato a far parte dei domini sabaudi nel 1247 e ha seguito le sorti della dinastia fino al 1883 quando è stato venduto, per 100.000 lire, alla Città di Rivoli. Tante le vicissitudini che lo hanno riguardato fino all’agosto del 1979 quando il Marchese Panza di Biumo, noto collezionista d’arte contemporanea, ne ha risollevato le sorti scegliendolo come sede di una parte della sua collezione. I lavori di ristrutturazione sono durati 15 anni quindi, nel 1984, il Castello ha riaperto le sue porte come Museo d’Arte Contemporanea e attualmente è considerato uno dei più importanti al mondo. La Collezione Cerruti (frutto della vita discreta e riservata di Francesco Federico Cerruti, imprenditore e collezionista scomparso nel 2015) è il terzo polo del Museo, una collezione privata di altissimo pregio che include quasi trecento opere scultoree e pittoriche che spaziano dal medioevo al contemporaneo, con libri antichi, legature e più di trecento mobili e arredi tra i quali tappeti e scrittoi di celebri ebanisti. Nota: il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, grazie a un accordo firmato nel luglio 2017 con la Fondazione Francesco Federico Cerruti, è il primo museo d’arte contemporanea al mondo a includere, nelle sue collezioni, una raccolta enciclopedica del passato. L’intenzione è di creare un modello nuovo di museo in cui l’arte del passato è osservata da prospettive contemporanee innescando un dialogo unico tra collezioni, artisti d’oggi e i capolavori del passato.

Condividi

Share on facebook
Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Video Lightbox